RADIO PETRUSKA

La luce, visibile e invisibile, e la nascita dei superammassi Con Prof. Dr. Patrizia A. Caraveo, astrofisica, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano, e Markus Zohner | 55:11

La luce, visibile e invisibile, e la nascita dei superammassi
Con Prof. Dr. Patrizia A. Caraveo, astrofisica, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano, e Markus Zohner

Nel secondo dei incontri della serie LA CREAZIONE DEL MONDO – DAL BIG BANG AL PENSIERO UMANO, Markus Zohner insieme a Prof. Dr. Patrizia A. Caraveo, astrofisica, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano, indagherà sulla nascita della luce – quella visibile e quella invisibile, e di quello che questa luce riesce a svelarci sulla storia del nostro universo.
Come e da cosa si formano i superammassi, le galassie e dei pianeti extrasolari? 
Che cos’è la luce?

In questo podcast Patriza Caraveo ci racconta la storia della luce, cominciata 380 mila anni dopo il Big Bang.
Si parte dall’elettrone, che è anche l’inizio di tutta l’elettronica e di tutti i dispositivi, come cellulari e microfoni, che usiamo ogni giorno. Ma per arrivare a oggi il percorso è lungo: dopo la nascita della luce compaiono l’idrogeno e tutte le irregolarità da cui poi si forma la materia.

Patrizia è una ricercatrice di astrofisica e direttrice dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano. Dice di sentirsi fortunata, perché fa il lavoro più bello del mondo. Ma anche il secondo più vecchio del mondo, infatti gli astronomi sono stati i primi scienziati a cui re e imperatori si rivolgevano per avere informazioni riguardanti il futuro.

In questo incontro le cose che si scoprono sono veramente tante.
Come nasce una stella? Come muore? La luce del sole che vediamo, dove si trova nel tempo? E i superammassi cosa sono? La materia oscura cos’è? Lo studio della luce, permette di creare un universo tridimensionale, in cui si possono vedere le galassie e guardare quanto sono vicini e lontani i diversi universi, per poi capire l’evoluzione che dalla nascita della luce ci ha portati a oggi.
Patrizia ha anche scoperto la stella Geminga, la sorgente gamma nella costellazione dei gemelli. Una ricerca durata 20 anni.

Prof. Dr. Patrizia Caraveo

PATRIZIA CARAVEO si è laureata in Fisica all’Università di Milano nel 1977.
Dopo un periodo all’estero, è approdata all’Istituto di Fisica Cosmica del CNR di Milano, poi confluito nell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). Dal 2002 è Dirigente di Ricerca ed è attualmente Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano.
Ha collaborato a diverse missioni spaziali internazionali dedicate all’astrofisica delle alte energie a cominciare dalla missione europea COS-B.
Attualmente è coinvolta nella missione europea Integral , nella missione della NASA Swift, nella missione italiana Agile e nella missione NASA Fermi, tutte in orbita e pienamente operative.
Rappresenta INAF nella collaborazione internazionale per la progettazione, costruzione e gestione del Cherenkov Telescope Array (CTA). Il suo campo d’interesse principale è il comportamento delle stelle di neutroni alle diverse lunghezze d’onda.
E’ stata tra i primi a capire il ruolo fondamentale delle stelle di neutroni nell’astrofisica delle alte energie.
In anni di sforzi volti all’identificazione della sorgente Geminga, riconosciuta come la prima pulsar senza emissione radio, ha messo a punto una strategia multilunghezze d’onda per l’identificazione delle sorgenti gamma galattiche. Per i contributi dati alla comprensione dell’emissione di alta energia delle stelle di neutroni, nel 2009 è stata insignita del Premio Nazionale Presidente della Repubblica.
Come membro delle collaborazione Swift, Fermi ed Agile ha condiviso con i colleghi il Premio Bruno Rossi della American Astronomical Society nel 2007, 2011 e 2012. Nel 2014 Women in Aerospace Europe le ha conferito l’Outstanding Achievement Award.
Fa parte della lista degli Highly Cited Researchers 2014 compilata da Thomson Reuters.

DAL BIG BANG AL PENSIERO UMANO
MILLE DOMANDE A GRANDI SCIENZIATI CHE SONO ALLA RICERCA DELLE ORIGINI DEL TUTTO

Cosa era in principio, se non la parola?
Cosa significa la creazione del tempo, dello spazio, della materia? Perchè nell’ Universo sembra esistere più materia che antimateria? Cosa sono i superammassi, come nascono le galassie e cosa fa esplodere una supernova? Perchè e come si forma una stella, e i pianeti sono le briciole? Ma di che cosa? Nel nostro Sole si trovano gli stessi elementi che si trovano sulla Terra? È possibile riprodurre le reazioni fisiche del Sole in laboratorio? Potrebbe questo risolvere le nostre richieste energetiche? Cosa è stato esattamente a far nascere la vita? Da dove, originariamente, arriva il materiale del quale siamo fatti? Come si è creata l’atmosfera della Terra e quanto è stabile il suo equilibrio ecologico? Quante persone il pianeta potrà ancora sopportare? Le piante hanno un’ intelligenza? Perché e in che momento è nato il pensiero umano?
Chi siamo, dunque?
Mille domande per indagare sulla nostra storia, sulla nostra provenienza, sulla nostra esistenza.
Sette incontri di Markus Zohner con grandi scienziati che sono alla ricerca delle origini del tutto.


Dando il via ad un nuovo progetto teatrale e culturale pluriennale, con il ciclo di sette incontri La creazione del mondo – Dal Big Bang al pensiero umano, la Markus Zohner Arts Company, insieme a grandi scienziati del mondo dell’astrofisica, della fisica e della biologia, vuole cercare di raccontare, allo stato attuale delle scoperte scientifiche, la nascita di tutto: dell’Universo, dello spazio, del tempo, della luce, della materia inorganica e organica, della vita e, infine, del pensiero umano.

...mandatemi la vostra newsletter!